Abruzzo CAREFAMILY - Progetto “Famiglia Al Centro”

Pubblicato il 12/11/2018
Pubblicato in: Notizie
Abruzzo CAREFAMILY - Progetto “Famiglia Al Centro”

PREMESSO

CHE Con Determinazione Dirigenziale n. DPF013/117 del 14/09/2018, la Regione Abruzzo ha concesso il finanziamento all’ADS n. 23 “Fino-Cerrano” – Ecad Comune di Silvi per l’attuazione del progetto utilmente collocato in graduatoria dal titolo “Famiglia al Centro”;

CHE l’intervento proposto dall’ADS N.23 “FINO-CERRANO” ha la finalità di:

  • Consolidare una rete territoriale a sostegno dei caregiver familiari attraverso l’erogazione di voucher;
  • Riconoscere e valorizzare la figura del Caregiver familiare che si fa carico della cura di uno o più componenti della propria famiglia attraverso la realizzazione di un corso di formazione professionalizzante.

CHE il progetto si articola in due Linee di azione:

Linea di azione 1: Presa in carico di nuclei familiari multiproblematici e Voucher per servizi a supporto dei Caregiver familiari, finalizzata a fornire servizi a supporto dei caregiver familiari attraverso l’erogazione di titoli per l’acquisto di servizi offerti da strutture specializzate in forma di buoni.

Linea di azione 2: Percorsi formativi in favore dei Caregiver familiari finalizzata all’attivazione di un percorso formativo di 400 ore (con riconoscimento della qualifica professionale di “assistente familiare”) e destinato ad un minimo di 10 e ad un massimo di 20 allievi.

CHE al fine della realizzazione delle azioni del progetto di cui sopra è costituita Associazione Temporanea di Scopo (di seguito ATS) tra la ADS n. 23 Fino – Cerrano, ECAD Comune di Silvi (di seguito ADS n. 23), l’ Azienda Sanitaria Locale di Teramo (di seguito ASL Teramo) e l’Azienda Pubblica di Servizi alla Persona n. 2 di Teramo (di seguito ASP 2)
VISTA la determina di settore n. 407 del 15/10/2018 con cui è stato approvato l’Avviso di selezione dei destinatari e relativa modulistica

EMANA

Il seguente Avviso pubblico per la selezione dei destinatari

 

1. DESTINATARI

I destinatari degli interventi di cui al presente Avviso sono persone residenti nei Comuni dell’Ente d’Ambito n.23 (Arsita, Atri, Basciano, Bisenti, Canzano, Castellalto, Castiglione Messer Raimondo, Castilenti, Cellino Attanasio, Cermignano, Montefino, Penna Sant’Andrea, Pineto, Silvi) appartenenti a nuclei familiari multiproblematici in situazione di povertà, grave deprivazione o a forte rischio di discriminazione ed esclusione sociale, nonché individui componenti nuclei familiari aventi all’interno bambini, adolescenti, anziani, soggetti non autosufficienti come da art.6 dell’Avviso della Regione Abruzzo “Carefamily” approvato con Determina Dirigenziale n. 38/DPF013 del 09/04/2018.

Il numero massimo di nuclei familiari che potranno usufruire dei voucher di servizio è di 68, compatibilmente con le risorse assegnate al progetto.

 

2. SELEZIONE DEI DESTINATARI

Saranno selezionati n. 68 nuclei familiari tra quanti avranno fatto richiesta di voucher, così ripartiti: n. 26 nuclei Unione dei Comuni “Colline del Medio Vomano”; N. 16 nuclei Comune di Silvi; N.15 nuclei Comune di Pineto; N. 11 nuclei Comune di Atri. Tale ripartizione potrebbe subire variazioni in base al numero di richieste pervenute (i voucher non utilizzati da un Comune potranno essere utilizzati da quello che raccoglie un maggior numero di richieste).
La procedura di presa in carico dei nuclei familiari avverrà attraverso una attenta e scrupolosa valutazione effettuata da una Équipe multidisciplinare e produrrà una graduatoria per i nuclei familiari beneficiari di voucher.

Per la selezione saranno utilizzati i seguenti criteri:

  1. verifica del possesso dei prerequisiti formali che consentono di fruire dei servizi previsti dal presente Avviso (residenza nei Comuni dell’ Ente d’Ambito n. 23);
  2. esiti della selezione realizzata da Équipe multidisciplinare assegnati sulla base: della presenza nel nucleo familiare di determinate tipologie di svantaggio (max 60 punti); del colloquio incentrato sulla valutazione dell’autonomia personale, rete di cura e supporto, situazione abitativa dei destinatari (max 60 punti)

I 60 punti a disposizione della commissione di selezione (Équipe multidisciplinare) per la presenza nel nucleo familiare di uno o più soggetti appartenenti a determinate tipologie di svantaggio saranno così attribuiti:


a) Presenza nel nucleo familiare di persone appartenenti alle seguenti tipologie di disabilità:


1) Invalidi civili, delle condizioni visive e della sordità ai sensi dell’articolo 20 delle legge 3 agosto 2009 n. 102 
PUNTEGGIO MAX15

 CATEGORIE DISABILITÀ MEDIA DISABILITÀ GRAVE DISABILITÀ GRAVISSIMA Punteggio
INVALIDI CIVILI DI ETÀ COMPRESA TRA 18 E 65 ANNI – Invalidi 67 a 99% (D.Lgs. 509/88) – Inabili totali (L. 118/71, artt. 2 e 12) – Cittadini di età compresa tra 18 e 65 anni con diritto all’indennità di accompagnamento (L. 508/88, art. 1, comma 2, lettera b) Disabilità media = 5 punti

 

Disabilità grave = 10

punti Disabilità gravissima=15 punti

INVALIDI CIVILI MINORI DI ETÀ Minori di età con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni propri della loro età (L. 118/71, art. 2 – diritto all’indennità di frequenza) Minori di età con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni proprie della loro età e in cui ricorrano le condizioni di cui alla L. 449/1997, art. 8 o della L. 388/2000, art. 30 Minori di età con diritto all’indennità di accompagnamento (L. 508/88, art. 1) Disabilità media = 5 punti

 

Disabilità grave = 10

punti Disabilità gravissima=15 punti

INVALIDI CIVILI ULTRASESSANTACINQUENNI Ultrasessantacinquenni con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni propri della loro età, invalidi 67 a 99% (D. Lgs. 124/98, art. 5, comma 7) – Ultrasessantacinquenni con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni propri della loro età, inabili 100% (D.Lgs. 124/98, art. 5, comma 7) Cittadini ultrasessantacinquenni con diritto all’indennità di accompagnamento (L. 508/88, art. 1, comma 2, lettera b Disabilità media = 5 punti

 

Disabilità grave = 10 punti Disabilità gravissima=15 punti

CIECHI CIVILI – – Art 4, L.138/2001 – Ciechi civili parziali (L. 382/70 – L. 508/88 – L. 138/2001) Ciechi civili assoluti (L. 382/70 – L. 508/88 – L. 138/2001) Disabilità media = 5 punti

 

Disabilità grave = 10

punti Disabilità gravissima=15 punti

SORDI CIVILI – Invalidi Civili con cofosi esclusi dalla fornitura protesica (DM 27/8/1999, n. 332) – Sordi pre-linguali, di cui all’art. 50 L. 342/2000   Disabilità media = 5 punti

 

Disabilità grave = 10 punti

2) Accertamento dell’handicap (legge 5 febbraio 1992 n. 104, legge 3 agosto 2009 n. 102 art. 20 PUNTEGGIO MAX10

  PUNTEGGIO
Persona con handicap (art. 3 comma 1, Legge 104/1992). Non è stata riconosciuta la connotazione di gravità 5 punti
Persona con handicap con connotazione di gravità (art. 3 comma 3, Legge 104/1992) 10 punti

 

b) Situazione economica del nucleo familiare certificata da ISEE PUNTEGGIO MAX18

VALORE ISEE PUNTEGGIO
Da € 0,00 a € 6.000,00 18 punti

 

 

Da € 6.001,00 a € 8.000,00 15 punti

 

 

Da € 800.001,00 a € 14.000,00 12 punti
Da € 14.001,00 a € 18.000,00 9 punti
Da € 18.001,00 a € 21.001,00 6 punti
Da € 21.001,00 a € 36.000,00 3 punti
Oltre € 36.000,00 0 punti

 

c) Presenza di carichi assistenziali oltre le categorie svantaggiate di cui al punto a) PUNTEGGIO MAX12

CARICO ASSISTENZIALE PUNTEGGIO
Presenza di soggetti con disabilità non inseriti nelle convenzioni del collocamento mirato ai sensi dell’art. 1, comma 1,

 

Legge, 12 marzo 1999, nr. 68

2 punti
Presenza di anziani con età maggiore di 75 anni 2 punti
Presenza di minori 3 punti
Presenza di minori in carico ai servizi sociali 5 punti

 

 

d) Disponibilità del Caregiver (di cui vanno fornite le generalità in caso contrario non verrà attribuito il punteggio di cui al punto d)) a frequentare il percorso formativo di 400 ore (con riconoscimento della qualifica professionale di “assistente familiare”) PUNTEGGIO MAX5

FREQUENZA DEL PERCORSO FORMATIVO DI 400 ORE PUNTEGGIO
Disponibilità a frequentare il corso 5
Indisponibilità alla frequenza del corso 0

 

L’équipe multidisciplinare produrrà singoli Piani Personalizzati di assistenza per ogni nucleo familiare preso in carico.


3. EROGAZIONE DEI VOUCHER

È prevista l’erogazione di voucher di servizio a favore dei nuclei familiari utilmente collocati in graduatoria.

I beneficiari, sulla base delle effettive esigenze, potranno fruire dei voucher presso soggetti selezionati anch’essi con procedura di evidenza pubblica e che andranno a costituire il Catalogo dei soggetti abilitati all’erogazione dei servizi di cura e assistenza acquisibili mediante i Voucher (Catalogo dei Soggetti erogatori).

L’importo massimo di ciascun voucher per nucleo familiare selezionato è fissato in € 300,00 mensili per un periodo massimo di 12 mesi.

Il soggetto erogatore (scelto all’interno del Catalogo dei Soggetti erogatori) produrrà la documentazione giustificativa delle spese sostenute per l’erogazione del servizio a favore del nucleo familiare beneficiario mediante regolare fattura da presentare all’ATS con una apposita scheda del servizio effettuato a firma del destinatario, con l’indicazione del tipo di prestazione effettivamente erogato e la durata in favore del destinatario.

A titolo esemplificativo nel Catalogo potranno essere presenti servizi quali:

  1. servizi di caregiver con personale qualificato (ad es. operatore socio-sanitario, assistente familiare, operatore per l’assistenza di base, etc.…);
  2. servizi di supporto psico/socio/educativo da parte di personale qualificato;
  3. servizi di Assistenza Domiciliare integrata (ADI) di tipo sociale in termini di ore (sono escluse attività di tipo sanitario), centri diurni, centri di accoglienza e similari;
  4. servizi di assistenza scolastica per studenti con disabilità (ad es. assistente educativo);
  5. rette e servizi a pagamento per attività extrascolastiche e doposcuola, centri ludico-ricreativi, centri estivi;
  6. servizi di cura integrati per le famiglie con programmi strutturati di home visiting, accompagnamento alla nascita, contrasto alla povertà minorile, prevenzione del maltrattamento;
  7. azioni per l’inclusione abitativa di nuclei familiari in situazione di povertà per l’accompagnamento progressivo all’autonomia alloggiativa;
  8. altro.

L’erogazione del Voucher di servizio è subordinata al permanere delle condizioni di ammissibilità. In caso di rinuncia o di perdita delle condizioni di ammissibilità da parte di un nucleo familiare beneficiario si procederà con lo scorrimento della graduatoria ai soggetti utilmente collocati.

 

4. CORSO DI FORMAZIONE

Con riferimento alla Linea di Azione 2, finalizzata alla valorizzazione delle competenze di “assistente familiare” e al collocamento degli stessi nel mercato del lavoro della Regione Abruzzo, l’ ATS prevedrà la realizzazione di un percorso formativo in favore di persone che vogliono
prendersi cura dei soggetti non autosufficienti, per un totale di 400 ore al fine di ottenere la qualifica di “assistente familiare”. Il corso di formazione sarà realizzato da un Organismo di formazione appositamente selezionato dall’ATS mediante procedura di evidenza pubblica e sarà destinato ad un minimo di 10 e ad un massimo di 20 destinatari. Questi saranno prioritariamente i caregiver familiari individuati all’interno dei nuclei familiari già beneficiari della Linea di Azione 1 o comunque tra i soggetti che abbiano i requisiti indicati all’articolo 6 comma 1 dell’Avviso Abruzzo Carefamily.


5. MODALITA’ DI PARTECIPAZIONE

La domanda di accesso al beneficio dovrà essere redatta utilizzando il fac-simile per la domanda di richiesta del voucher appositamente predisposto (Allegato 1 domanda di richiesta del voucher) e reso disponibile presso L’Ufficio di Piano dell’ADS n.23 o scaricabile dai seguenti siti web: www.comune.silvi.te.itwww.comune.pineto.te.itwww.comune.atri.te.itwww.unionecomunivomano.gov.it

L’Allegato 1 debitamente compilato e sottoscritto andrà corredato dalla seguente documentazione:

  • documento di identità in corso di validità del richiedente;
  • certificazione ISEE in corso di validità
  • stato di famiglia attestante la composizione del nucleo familiare
  • ogni altro documento attestante la situazione di disabilità/ svantaggio

Le domandepena l’esclusione, firmate e corredate da fotocopia, non autenticata, di un documento di identità in corso di validità del richiedente, dovranno pervenire presso l’Ente Capofila di Ambito Distrettuale n.23 “FINO-CERRANO” –– entro e non oltre il 30/11/2018 ore 12,00 con le seguenti modalità:

In caso di invio tramite raccomandata A/R o consegna a mano la domanda dovrà pervenire in busta chiusa, indicando sulla busta nome e cognome del richiedente e la seguente dicitura:

“Abruzzo CAREFAMILY –PROGETTO Famiglia al centro – Domanda di richiesta voucher”.

 

6. COMUNICAZIONI AI CANDIDATI

Il presente Avviso e la pubblicazione di successivi atti e comunicazioni sul Sito Istituzionale del Comune di Silvi (www.comune.silvi.te.it) quali la graduatoria dei nuclei familiari beneficiari ammessi a colloquio, le date di convocazione a colloquio, la graduatoria definitiva, l’elenco degli esclusi ecc. hanno valore di notifica a tutti gli effetti nei confronti dei candidati.


PER INFORMAZIONI:

I Servizi Sociali dei Comuni dell’Ambito n. 23 “Fino-Cerrano”

Ufficio di Piano dell’ADS n. 23 “Fino-Cerrano”, Comune di Silvi, in Viale Po, snc, Zona Piomba c/o Edificio Caserma dei Carabinieri- 2 piano. Tel. 085 9357241/336



Notizie Collegate
11/05/2020 Donazione di due quintali di frutta e verdura alla casa di riposo di Atri (Te) da parte dell’avvocato Giulia Palestini, presidente dell’Assemblea dei portatori di interesse dell’Asp 2
08/05/2020 Croce Rossa e Globo donano calzature per i bimbi della casa famiglia di Giulianova (Te)
30/04/2020 Tutti negativi i tamponi anticovid-19 per utenti e operatori della casa di riposo Santa Rita di Atri (Te)
24/04/2020 Tamponi anticovid-19 per utenti e operatori della casa di riposo Santa Rita di Atri (Te)
22/04/2020 Emergenza COVID-19: Istituzione servizio ASL di consulenza Alzheimer
11/04/2020 Dpcm 10 aprile 2020 - Misure urgenti di contenimento del contagio

Utilità